Il segretario generale FIBA Andreas Zagklis è stato intervistato dall’emittente greca ERT.
Un estratto delle sue parole.

Nessuno si aspettava cosa stesse succedendo e ci siamo dovuti adattare alle nuove condizioni. Dobbiamo stare attenti, questo è un momento in cui la salute è fondamentale e, naturalmente, il nostro amore per il basket emergerà più forte attraverso questo processo e dopo la pandemia torneremo sempre più forti come sport.
E questo vale per ogni parte dello sport e per la relazione tra le sue varie parti: credo che il basket sarà più forte dopo la pandemia, sia che si tratti di tagli alla spesa, sia di razionalizzazione dei vari progetti esistenti in tutto il mondo. Eventuali divergenze nella famiglia del basket potranno essere inserite in un nuovo contesto, riconoscendo che stavamo combattendo per 1-2 settimane di finestre e improvvisamente siamo da due mesi senza eventi. Penso che tutto ciò metta le discussioni in un contesto nuovo, migliore e più sano.

La verità è che non cambieremo la natura del gioco. Siamo di fronte a una pandemia che avrà fasi diverse. Siamo ancora alla fine della prima fase, dove stiamo ancora giocando alla difesa, non c’è dubbio. E dobbiamo guardare alla seconda fase, che è da ora fino al vaccino. Non resteremo fuori per tutto questo tempo, ma dovremo adattare le nostre attività. A questo punto, come per i nostri campionati, sia che si chiami NBA o CBA in Cina, o che siano i campionati europei, non ci sono risposte a tutte le domande. In questa fase andiamo con i nostri principi e il primo di questi è quello di proteggere la salute degli atleti .

Passando alla vita quotidiana dei nostri atleti, ci sono molte difficoltà, oltre al livello più alto che vediamo sui social media. Prima di andare all’estero ho lavorato in Grecia come consulente legale di squadre e atleti, quindi so benissimo quale sia la vita quotidiana di un atleta di A2 in Grecia e certamente non è la stessa di quella degli atleti che giocano in campionati molto più grandi. Quindi stiamo cercando di aiutare le nostre federazioni nazionali, ascoltarle e vedere cosa possiamo offrire loro in termini di supporto. Le prime decisioni che abbiamo preso nel consiglio, in Europa: per quest’anno non abbiamo fermato affatto la concessione di tutti i programmi di assistenza finanziaria a tutte le nostre Federazioni. FIBA assorbirà tutti gli shock quest’anno per tutti i programmi di sviluppo del basket. E infatti, anche se non avremo le competizioni, abbiamo deciso che la sovvenzione per le squadre che vi avrebbero partecipato, le daremo normalmente.

CategoryAltri Argomenti

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: