La Virtus Segafredo Bologna è alla sua terza stagione consecutiva di EuroCup e Kyle Weems è stato con il club per tutto quel tempo. Questa stagione è la quinta di Weems nella competizione. Ha raggiunto le finali di EuroCup con lo Strasburgo nel 2016 ed è arrivato in semifinale con la Virtus la scorsa stagione. Il versatile attaccante ha accettato di continuare a condividere i suoi pensieri con il suo blog EuroCupbasketball.com. Weems permetterà ai fan di sbirciare dietro le quinte per saperne di più sulla Virtus mentre si sforza di soddisfare le sue alte aspettative nell’EuroCup 2021-22; non è un segreto che l’obiettivo sia alzare il trofeo a fine stagione!

Non ci sono squadre imbattute in EuroCup. Penso che questo dimostri che è una competizione dura per tutte le squadre. Ovviamente, tutti conoscono alcune delle squadre con budget più grandi e grandi nomi e grandi roster, ma penso che la competizione in totale abbia mostrato il suo vero volto e ogni sera, devi portare il tuo A-game perché puoi perdere, in casa o in trasferta. Quindi sono rimasto molto sorpreso dalla competitività e dalla competizione nell’EuroCup finora. Il prodotto deve concretizzarsi in campo e si tratta di fare stop e tirare.

So che il Valencia ha perso presto un paio di partite difficili. Ovviamente ne abbiamo perse un paio all’inizio; una in trasferta dopo un bel vantaggio all’intervallo contro il Buducnost e poi un altro qui in casa dopo essere stato in vantaggio di 21 contro il Valencia. Entrambi sono molto deludenti, ma è un anno lungo. Un’altra cosa e un altro fattore che gioca un ruolo è quando hai quei nomi più grandi e quegli obiettivi ambiziosi, squadre come noi, Partizan, Valencia… Avrai il miglior tiro di tutti in una data notte, quindi questo ti rende devono concentrarsi e concentrarsi e bloccarsi ancora di più come una squadra.

Nella nostra ultima partita, la Reyer è tornata da un grande deficit, ma abbiamo tirato fuori la vittoria nel tratto. Ci siamo trovati in quella situazione una manciata di volte, a volte siamo rimasti in ritardo, siamo tornati, abbiamo vinto… o forse non abbiamo perso, ma siamo stati solo in una partita ravvicinata. Ma abbiamo perso dei contatti prima. Contro il Buducnost, credo che all’intervallo eravamo in vantaggio di 11 o 12. Contro il Valencia, siamo saliti di 21 punti nel secondo quarto e di 12 all’intervallo, e non siamo riusciti a chiudere nessuna di quelle partite. Contro la Reyer, eravamo avanti di 20 punti. Credo che fosse 59-39 dopo un paio di miei tiri liberi e per qualsiasi motivo, ci siamo lasciati sfuggire il vantaggio ed è qualcosa a cui dobbiamo prestare attenzione. Ma per prima cosa, quando vinci è praticamente l’unica cosa che conta. Ma in questa competizione, come la partita di Valencia che abbiamo imparato, a volte quei cavi scivolano completamente e non solo rendono la partita chiusa. Quindi, di nuovo, è qualcosa a cui dobbiamo prestare attenzione, basta imparare da esso e cercare di chiudere meglio i giochi.

Abbiamo giocato contro la Reyer in tre diverse competizioni: Supercoppa Italiana, Campionato Italiano ed EuroCup ed è solo metà novembre! È diverso giocare in EuroCup? Penso che sia esattamente lo stesso. La cosa pazzesca di Reyer è che abbiamo giocato così tanto in passato e, come ho detto, in tre diverse competizioni già quest’anno. L’anno scorso li abbiamo giocati due volte nel campionato italiano e anche in Coppa Italia, così come l’anno prima, prima che arrivasse la pandemia, li abbiamo giocati anche in Coppa Italia. È sempre un gioco vicino ogni volta. Quindi loro ci conoscono, noi li conosciamo, hanno un grande allenatore, hanno un grande nucleo di ragazzi come Tonut, Mitchell Watt, Austin Daye, De Nicolao e hanno aggiunto ragazzi come Jeff Brooks e giocatori di ruolo chiave, Sanders e Phillips, ragazzi che hanno esperienza in EuroCup, li hanno sicuramente migliorati un po’. Quindi, di nuovo, loro ci conoscono, noi conosciamo loro. Si trattava solo, onestamente, di chi ha fatto qualche altra giocata e chi ha fatto qualche altro tiro e più stop. E sono solo contento che siamo riusciti a chiudere dopo aver lasciato scivolare il vantaggio di 20 punti e anche avere un paio di ragazzi sbattuti e feriti.

Una delle chiavi è stata fermare Tonut, che l’anno scorso è stato MVP del campionato italiano. È un grande giocatore. Ho un enorme rispetto per lui. Non mi prenderò tutto il merito per avergli zero punti. Sappiamo tutti che nel gioco del basket, alcuni giorni è la tua notte, alcuni giorni no, che sia un altro ragazzo nella notte della tua squadra ed è più un punto focale, o forse hai avuto una sparatoria fuori notte. Ma in ogni caso, non gli toglie nulla. Tonut è un grande giocatore. Ho dovuto proteggerlo praticamente ogni volta che li giocavamo, quindi sono già più di 10 volte nelle ultime tre stagioni. Penso che sia stata sicuramente una parte importante del nostro piano di gioco. È solo una specie di rendere le cose difficili e difficili per lui e far sì che qualcun altro ci batta rispetto al loro miglior giocatore. Ha funzionato questa volta. La prossima volta che li giocheremo in EuroCup e anche nel Campionato Italiano, penso che sarà un altro punto focale per rendere la sua vita un po’ più difficile e non permettere loro di ottenere nulla di facile. Ma è sicuramente un grande giocatore. Può fare tutto, ed è una specie di motore per la loro squadra così come Mitchell Watt.

Non è stata una stagione facile per noi. Non lo è mai, ma abbiamo avuto degli infortuni importanti. Stiamo aspettando. Perdere Ekpe Udoh è stata dura. Tutti sanno quanto sia importante per un giocatore, ma ancora più importante come persona, come parte della tua organizzazione, essere nel tuo spogliatoio, proprio nel modo in cui non importa se segna o ottiene molti minuti o meno molti minuti, solo stare con lui durante la preseason, ci ha mostrato molto come essere un professionista. E penso che sia stato molto importante per ragazzi come me, che sono qui da un po’ e questo è il mio decimo anno, strappare una piccola pagina dal suo libro e aggiungerla al mio. Ho visto il modo in cui si comportava e il suo comportamento. Non era mai troppo in alto. Non era mai troppo basso. Era sempre coerente e sempre pronto a lavorare, e perderlo è stata davvero dura.

E anche Abass, è allo stesso modo. Lavora molto duramente. È un ragazzo così umile. A lui non interessano i punti, non gli interessa la lucentezza e può davvero difendere. Quella è stata un’altra grande perdita per noi. Ma avere due ragazzi come Jakarr Sampson e Isaia Cordinier è stato, secondo me, grandioso. Siamo riusciti a convincere due giocatori di qualità ad aiutarci in questo modo, soprattutto con così poco preavviso a quel punto della stagione, una volta terminato il ritiro. Il nostro capitano Marco Belinelli si è appena operato al gomito solo per pulirlo un po’. Siamo entusiasti che possa smettere di occuparsene e tornare, credo, prima della nostra prima partita dopo la pausa. Stiamo cercando di aggiornare Nico Mannion dopo aver affrontato il virus che aveva, non il coronavirus, il virus intestinale dello stomaco. Sta cercando di portare avanti il ​​suo corpo e le sue gambe. Capiamo che non è uno sprint, è una maratona. La miglior chimica richiederà del tempo, proprio come far stare bene i ragazzi.

Personalmente, considero questo primo come una piccola forma di reset per raccogliere i miei pensieri sul basket, mettere le gambe sotto di me un po’ di più e prepararmi a colpire questa cosa correndo più forte che posso per la mia squadra e per il mio club. Quindi sono eccitato! Il compleanno di mio figlio maggiore, Kyrie, era lunedì e avevamo quel giorno libero. Ho passato l’intera giornata con lui, portandolo a scuola, prendendolo in braccio e facendo un po’ di bowling la sera, che è una delle sue cose preferite da fare, e trascorrendo del tempo con la mia famiglia. Siamo estremamente fortunati a vivere uno stile di vita fantastico e confortevole, ma ovviamente tutti sanno che viaggi molto. C’è un sacco di tempo trascorso in palestra e in viaggio lontano dalla famiglia con le partite e tutto questo e quello. Ma ogni possibilità che possiamo avere, la voglio assolutamente sfruttare.

Da https://www.eurocupbasketball.com/eurocup/news/blogs/2021-2022/kyle-weems/i/byac4vpbpgq3ckyt/kyle-weems-virtus-we-re-hanging-in-there

Bolognabasket © 2000 - 2021 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: