E poi ci sono partite come questa, che sembrano segnate sin dall’inizio, come se la squadra di casa si fosse adeguata all’atmosfera silenziosa e annoiata della cattedrale PalaMalaguti vuota. Che ti fanno pensare alla gita fuori porta, a Simona Ventura e Gene Gnocchi, a quella macchia sulla parete di casa che aspetta di essere lavata. Ma che hanno il gioiello finale, con parzialissimo, rimonta, e vittoria della Virtus1934 contro una MPV Siena che si suicida dal +23 con cui aveva inziato il terzo quarto. Dopo la tripla di Amoni, infatti, del 27-50, il mondo si è ribaltato: 56-30 di break bolognese (e sono tre punti al minuto per chi, fino a quel momento, andava faticosamente oltre l’uno di media), e vittoria 83-80 che scaccia i fantasmi dell’ultimo posto.

Da raccontare. Nel prepartita di Virtus-Osimo, eccola questa figlia di una Virtus minore, che gioca davanti a 40 persone, in un silenzio che mimetizza il minuto di raccoglimento – volume azzerato prima, durante e dopo -, e con la voce dello speaker che sembra stonare come una radio accesa a palla in San Pietro. Siena parte bene, breakando immediatamente con dominio a rimbalzo e una difesa che arrotola ancora più del solito un attacco bianconero veramente imbarazzante. Ruini e Vitali non prendono iniziative, Politi lotta con roba più grande di lui, e solo qualche tiro libero di Maiani a muovere il tabellone. Era destino che Scorrano dovesse passare la Befana a Bologna: doveva giocare con Osimo, ceduto a Siena nella vigilia. Entra, mette liberi, 10-17 alla sirena, solo un cesto su azione ’34 in 10 minuti.

Secondo quarto con la stessa solfa. Brigo mette due triple, Burini anche, mentre la Virtus1934 riesce solo a riempire di falli gli avversari e procacciarsi tiri liberi. Poco per entrare in partita: dal 16-38 si rientra con un 9-0, ma un 2-7 di fine tempo manda al riposo le squadra sul 27-45. E due cifre raccapriccianti: 13-28 ai liberi, 4/21 al tiro.

Terzo quarto che, come detto, parte con altra sgommata senese, prima dell’incredibile. A mandare in tilt i toscani è un accenno di pressing supportato da una zona 3-2 proposta da coach Dovesi. Il corto circuito è quasi totale, azzera i rifornimenti sotto canestro, e costringe Scorrano a giocare ancora più da solo di quanto non farebbe abitualmente. Intanto, l’attacco bolognese si sblocca. Con Maiani, soprattutto, ma con anche tanti tiri liberi a punire forse eccessivamente la difesa senese. La rimonta non sembra inizialmente fortunata, anche perchè c’è una tripla di Scorrano a fare 50-65, Ruini mette libero, 51-65 alla sirena.

Poi, l’ultimo quarto. Bruttini ne fa 5, 56-70, poi tutta Siena scompare dal campo, non solo metaforicamente: cinque escono per falli, e le seconde linee combinano poco. Ed esplode Ruini che, dopo il -7 firmato da Vitali, ne mette 13 di fila e sorpassa. Ansaloni mette la bomba del 81-76, i pochi presenti non credono ai loro occhi, e due liberi di Masini chiudono la vicenda. Che ha cifre impressionanti: 51 liberi tirati da Bologna per 37 falli subiti, 21-10 i rimbalzi e 67-21 la valutazione nel secondo tempo. Se oggi ci fosse stata gente proporzionalmente al cuore della’34, il PalaMalaguti sarebbe stato pieno.

———-

VIRTUS 1934 BOLOGNA

Ruini – voto 8 – (28pti, 6/8, 2/5, 6/10) – Si nasconde nel primo tempo, poi lancia l’ululato con cui il branco parte ad azzannare il nemico. Sprecato, per la B1.
Vitali – voto 6 – (12pti, 6/6, 0/1, 2/4) – Se la cava subendo falli e mettendo una tripla nell’ultimo quarto, ma apporto limitato.
Maiani – voto 6,5 – (15pti, 11/16, 2/4, -) – Bravo a procacciarsi tiri liberi ogni volta che la palla gli arriva in mano. Non è un mostro di tecnica, ma la grinta oggi è bastata.
Spigaglia – voto 6 – (12pti, 5/5, 2/3, 1/4) – Soffre un ritmo che non sembra essere il suo, commette falli non baciati dal genio, ma fa pagnotta con 7 punti nell’ultimo quarto che lanciano la rimonta.
Politi – voto 5 – (4pti, 2/3, 1/2, -) – Gli banchettano sulla testa, a lui restano solo poche briciole e il posto in panchina.
Masini – voto 6 – (2pti, 2/7, -, 0/3) – Mano bislacca, ma tanto fiato per il pressing che inizia a vincere la pugna.
Binassi – voto 5 – 8 minuti, scout vuoto.
Facchini – voto 4 – (0pti, -, -, 0/4) – 6 minuti, 4 errori, -6 di valutazione. Manca solo che entri in pizzeria senza essersi fatto la doccia.
Ansaloni – voto 6,5 – (9pti, 4/4, 1/4, 1/2) – Mette a posto la difesa, prende 7 rimbalzi, fa il ciuf del +5 dopo aver giocato a lungo in pantofole.
Giannini – voto 6 – (1pt, 1/2, 0/1, -) – Qualche buon tagliafuori, buon finale di partita.

MPV SIENA

Macaro – voto 6 – (6pti, -, 3/4, 0/1) – Fa benino, poi lascia il posto ad altri. Male, perchè era sembrato più adatto a fare girare tutta la squadra.
Burini – voto 6 – (12pti, 2/3, 2/4, 2/5) – Partitona con punti e difesa prima, poi vai te a capire se nell’intervallo Siena si è attaccata alla boccia del Gatorade o a quella della camomilla.
Raschi – voto 4 – (3pti, -, 0/1, 1/1) – E’ il primo dei suoi a caricarsi dei falli, non fa bene neppure nel dorato primo tempo.
Marconato – voto 3 – (0pti, -, 0/3, 0/2) – Meno dieci di valutazione, non sarà record ma dice tutto.
Soro – voto 6,5 – (11pti, 3/6, 4/6, 0/3) – Come tutti, bene prima, divertendosi in un’area colorata senza avversari. Poi, il flop.
Scorrano – voto 6,5 – (23pti, 15/16, 1/1, 2/7) – Fa e disfa. Ultimo ad arrendersi, ma giocaa troppo spesso ad occhi bassi, dimenticandosi i compagni.
Bruttini – voto 5,5 – (5pti, -, 1/1, 1/1) – 5 falli anche per lui, troppa aggressività.
Amoni – voto 6 – (8pti, 1/4, 2/2, 1/5) – Mano calda prima, fredda poi.
Brigo – voto 6,5 – (12pti, 0/2, 3/6, 2/2) – Mette anche le triple, oltre che a far piazza pulita sotto canestro. Scompare come tutti, dopo.
Spinelli – voto NG – (0pti, -, 0/1, -)

CategoryVirtus 1934

Bolognabasket © 2000 - 2022 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: [email protected]

Privacy e Cookie Policy | Bonus Scommesse | Bonus immediato senza deposito | Migliori siti scommesse | Migliori casinò online