GRANAROLO

Gaddy – voto 6 – (6pti, -, 3/8, 0/1) – Il ritmo gli fa venire il mal di testa e si sente, ma visti i precedenti poteva andare anche peggio. E allora non è nemmeno male, tenendo conto di tutto.
Ray – voto 6,5 – (17pti, 3/3, 4/7, 2/5) – Tutto quasi subito, poi non riesce a dar quelle scudisciate che, dall’altra parte, Brooks scodella senza problemi. Ma ci sta.
White – voto 6 – (13pti, 8/10, 1/5, 1/2) – Lo cercano tanto, pure troppo (8 perse), e si incarta non sapendo bene a che latitudini deve andare a giocare. Ma si impegna eccome.
Mazzola – voto 6 – (8pti, 2/2, 3/8, 0/1) – Va e viene, resta comunque abbastanza sveglio malgrado tutto.
Cuccarolo – voto 6 – Due falli subito, poi fa quello che gli viene chiesto. Poco, ma lo fa.
Imbrò – voto 5,5 – (4pti, 4/4, -, 0/5) – Non è la stessa mano di Pesaro, ma lì serviva di più, diciamo.
Hazell – voto 5 – (5pti, 3/3, 1/5, 0/3) – Ormai non sa più dove sia di casa il canestro, e non serve che si sbatta altrove, ahilui.
Gilchrist – voto 5,5 – (5pti, 1/3, 2/6, -) – Ci prova anche, ma è talmente lento e macchinoso che diventa facile, alla fine, arginarlo e ridurlo al silenzio.
Tassinari – voto NG – (0pti, -, -, 0/1)
Benetti – voto NG – (0pti, -, 0/1, 0/1)

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO

Ragland – voto 4,5 – (0pti, -, 0/1, 0/3) – Nervoso, viene superato da Meacham nelle rotazioni e nulla fa per riprendersi lo spazio.
Brooks – voto 8 – (24pti, -, 3/5, 6/9) – Roba d’altri tempi, avrebbe potuto giocare da americano anche ai tempi in cui gli americani venivano presi per far la differenza e non perchè costavano poco.
Moss – voto 6 – (3pti, -, 0/1, 1/5) – Dietro nelle stranezze di roster bolognese non sa bene a chi attaccarsi. Davanti fa da sponda.
Melli – voto 6,5 – (10pti, -, 2/4, 2/2) – Spara tutto alla fine, ma non è nemmeno colpa sua se ad un certo punto si smarrisce nelle infinite rotazioni milanesi.
Samuels – voto 6 – (7pti, 3/3, 2/4, 0/1) – Parte bene, poi si imballa un po’.
Meacham – voto 6,5 – (4pti, -, 2/4, 0/2) – Il suo compito è passarla a quelli che sano fare canestro, si limita a questo e lo fa abbastanza bene.
Cerella – voto 6,5 – (6pti, 1/1, 1/1, 1/1) – Gran sbattimento nel momento in cui Milano prende il largo.
Gentile – voto 7 – (12pti, 1/2, 4/4, 1/4) – A mezzo servizio, ma quando Milano decide di giocare a basket ci mette un bel po’ del suo, senza far nemmeno tanta fatica.
Kleiza – voto 6 – (7pti, 2/2, 1/5, 1/5) – Dietro c’è buona roba, davanti è un monumento alla presunzione.
James – voto 6,5 – (2pti, 2/2, 0/1, -) – Tocca un bel po’ di roba dietro, 6 rimbalzi.
Gigli – voto 6 – (4pti, -, 2/3, -) – Punti a babbo morto.
Fumagalli – voto 6 – (2pti, 2/2, -, -) – Segna anche lui.

VERBA MANENT

ValliOvvio che questi sono confronti difficili in assoluto, specie per una squadra nella condizione in cui siamo noi, senza il nostro giocatore più atletico. Siamo stati bravi a mischiare le carte all’inizio, poi la loro fisicità e lunga panchina ha fatto la differenza. Sono contenti dei passi in avanti di qualcuno, abbiamo giocato con White da 3 e non è il suo abito tecnico, ancora. Per questo siamo stati macchinosi, ma era necessario per contrastare il loro strapotere fisico dietro. La coperta è corta, peccato non averla affrontata al completo, poi Ray alla fine ha avuto una leggera ricaduta al ginocchio e l’ho risparmiato come anche altri: ho mandato in campo i ragazzini perché se lo meritavano. Non era questa la nostra partita, resettiamo in fretta, e facciamo esperienza: sapevamo dall’inizio che ci sarebbero stati molti contatti e pochi fischi, White lo ha pagato, ma dobbiamo essere noi ad alzare il livello. Stanno tutti facendo un passo in avanti, non dobbiamo farci venire delle voglie strane, dobbiamo andare avanti con quelli che siamo dando fiducia al progetto: oggi in campo Benetti e Tassinari, facciamoli crescere e pensiamo anche agli altri che abbiamo. Siamo andati in crisi quando non abbiamo più fatto canestro, ma loro hanno una fisicità da Eurolega, e noi no. Poi Brooks ha messo gran canestri, ed è qua perché prende più soldi di quanti non ne prenderebbe in NBA. Sono contento di Imbrò che non sente più male, poi Gaddy sembra uscito dalla crisi e Mazzola ha giocato a lungo: non sembrerebbero cose eclatanti, ma noi tecnici guardiamo anche a queste cose per capire che siamo sulla strada giusta. Fontecchio? Meglio del previsto, speriamo di riaverlo presto.

BanchiBella vittoria, non è mai scontato vincere fuori casa anche se Bologna era in emergenza, e con un piano di gioco interessante ha reso la partita non banale. Specie nei primi 10’ ha saputo investire nelle nostre difficoltà, girando bene la palla. Poi nel secondo quarto noi siamo diventati più aggressivi in difesa e con i rimbalzi abbiamo frenato il loro atletismo.

 

Enrico Faggiano – Bruno Trebbi

Bolognabasket © 2000 - 2022 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: [email protected]

Privacy e Cookie Policy | Bonus Scommesse | Bonus immediato senza deposito | Migliori siti scommesse | Migliori casinò online