Elisabetta Tassinari è stata sentita da Emanuele Malaguti per Stadio. Un estratto dell’intervista.

“Non ho idoli, ma se dovessi definirne uno sarebbe sicuramente mio padre, è stato lui a trasmettermi questa passione ed è il principale motivo per cui pratico questo sport.
Il Progresso? Partì tutto da Matilde Dall’Aglio, che passò dalla Libertas al Progresso, chiamando poco alla volta tutte noi, Nannucci e Cordisco furono le prime, poi arrivai io e l’anno dopo ancora Tava, Meroni, D’Alie. Nel 2017 conquistammo la prima promozione, ma paradossalmente il nostro legame si è consolidato nelle difficoltà della stagione successiva con la sconfitta in Coppa Italia e l’uscita ai playoff contro Faenza.
La separazione? Dopo la sconfitta con Civitanova si è accesa una scintilla. Tante di noi erano convinte di non giocare più, la separazione con il Civ ha pesato tanto perché, nonostante i numerosi screzi, gli abbiamo voluto bene e sempre gliene vorremo. Sentivamo che era la chiusura di un ciclo e che l’unico modo di chiuderlo era con una vittoria.
La Virtus? Ero in trattativa avanzata con un’altra società di A1, quando venne da me Tava e mi disse: Betta, è fatta, ci sarà la Virtus femminile. Per me è stato l’avverarsi di un sogno. Vestire questa maglia è una grossa responsabilità, ma vista la grande storia del Club è anche una spinta a dare sempre il massimo. Vorrei lasciare un segno a Bologna e nel basket femminile, il mio obiettivo è di portare lustro alla mia città con la maglia della Virtus”

(foto Virtus Pallacanestro)

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: