KONTATTO BOLOGNA

Ruzzier – voto 5,5 – (5pti, 1/2, 2/5, 0/1) – Rimane in una terra di mezzo dove non ci sono particolari ispirazioni né per sé né per i compagni, osservando il cielo nuvoloso e decidendo che, non sapendo se prendere l’ombrello o meno, è meglio restare a casa e non rischiare.
Legion – voto 5 – (5pti, 3/3, 1/6, 0/2) – Giornataccia dove non lo cercano tanto, e anche a cercarlo non è che il citofono sembri acceso. Se non altro è bravo ad autoemarginarsi senza voler a tutti i costi accentrare alla ricerca del personale sblocco. Ma non è la sua migliore, ecco, almeno davanti.
Raucci – voto NG – (0pti, – ,-, 0/1) – Si svita la caviglia destra alla prima azione (da rivalutare nelle prossime ore), ermo colle doloroso.
Italiano – voto 5 – (2pti, 2/2, -, 0/4) – Prende la patente e perde il tiro da fuori. Vorrà dire qualcosa, forse che in futuro sfiderà Hamilton e non Rosselli e compagni? Meglio dietro, perlomeno.
Knox – voto 6,5 – (19pti, 6/6, 5/8, 1/1) – Alterna dormite a frustate, con il quasi nulla iniziale, la raffica di metà ultimo quarto che dirotta la partita verso nord, e le due perse che la riaprono. Incompleto, tutto sommato.
Candi – voto 8 – (20pti, 4/4, 2/4, 4/4) – Dopo un lustro di ferri torna a metterla da fuori. Quasi incredulo, è una flebo di fiducia per chi era finito in crisi esistenziale pur essendo appena uscito dal dolceamaro periodo del teenagerato. Anche 7 assist: benvenuto tra gli anziani.
Montano – voto 6 – (10pti, 4/5, 0/1, 2/5) – Settimana passata a spogliar margherite nel cercare di capire il m’ama non m’ama chi mi ama?. Ne esce un po’ confuso, con una domenica dove parte bene e termina sbavando, forse pagando lo sforzo del dover capire chi gli voglia bene davvero.
Campogrande – voto NG – 39 secondi per capire che non è aria, soprattutto dietro. Davanti non ha nemmeno tempo di capire di cosa si stia parlando.
Mancinelli – voto 7 – (13pti, 3/4, 5/9, 0/2) – Tratti di furbizia difensiva, in particolare, quando la partita aveva bisogno di qualcuno che facesse la voce grossa, o facesse anche solo finta di capire cosa stesse capitando. E ci riesce bene.
Gandini – voto 6 – (5pti, 1/2, 2/3, 0/1) – Va bene, dopo aver scherzato sul nuovo ruolo di go-to-guy ne esce una partita di gregariato come ai vecchi tempi, ma mantenendo le unghie pronte in caso di necessità maggiori.

USB RECANATI

Bolpin – voto 6,5 – (9pti, 2/2, 2/3, 1/1) – Regge bene l’urto.
Bader – voto 6,5 – (19pti, -, 5/9, 3/9) – Fin troppo solo.
Rush – voto 5,5 – (13pti, 5/9, 4/9, 0/4) – Sa fare un po’ di tutto, ma alla fine sbaglia un po’ di tutto.
Spizzichini – voto 5 – (0pti, -, 0/1, -) – Qualche rimbalzo. Niente altro.
Marini – voto 5 – (4pti, 2/2, 1/1, -) – Dietro è fin troppo emmenthaliero.
Paulinho – voto 4 – (3pti, 0/2, 0/2, 1/1) – Era davvero necessario?
Sorrentino – voto 5,5 – (0pti, -, 0/1, -) – Quasi solo panchina.
Maspero – voto 7 – (14pti, -, 4/6, 2/3) – Non si arrende.
Pierini – voto 5 – (0pti, -, -, 0/2) – Non si nota.
Infante – voto 6 – (9pti, 1/2, 4/6, -) – Inizia meglio di come finisca.

VERBA MANENT

BoniciolliIntanto complimenti ai nostri avversari, che di recente hanno fatto bene: sapevamo che avremmo affrontato una squadra che non si sarebbe arresa. La pallacanestro italiana ha bisogno di realtà come questa, con gente che investe e ha passione. Si parla tanto delle grandi città, ma servono anche i piccoli centri come Recanati. Noi a volte sembra che non la vogliamo vincere, ma è figlio della giovane età di molti protagonisti: abbiamo difeso bene per tre quarti, subendo nel terzo quarto la loro reazione e siamo andati sotto. Poteva essere un problema per noi che non siamo fisicamente solidissimi, ma abbiamo difeso e abbiamo portato a casa una vittoria che garantisce i playoff. Candi e Montano hanno giocato bene, e ricordo che io non sono un orco. Legion non ha fatto canestro ma ha difeso, Ruzzier anche, Knox ha combattuto (cosa che non sempre pare fare), e Mancinelli è stato importante, come anche Italiano, in difesa. Abbiamo rotazioni lunghe e siamo fisicamente strapronti: io in serie B facevo sempre l’esempio dell’abbattere una quercia, che deve essere fatto con tanti colpi e tanta pazienza per poi, con un dito, buttarla giù. Noi nel finale eravamo più freschi, per via delle nostre rotazioni: finchè converremo con la società di andare avanti in questo modo lo faremo, e anche Legion, ad esempio, ha fatto una stoppata importante in una giornata dove il tiro non gli entrava. Commettiamo ancora errori, non siamo in grado di controllare certi ritmi. Non voglio creare facili ironie, ma oggi sono contento, abbiamo giocato una buona partita, spero di aver recuperato Candi e Montano, Mancinelli ha fatto il capitano e gli americani sono stati utili. Raucci? Vedremo. Il derby? Un nuovo giro di giostra su Disneyland, quando all’andata siamo andati via divertendoci ma mancando alla fine, nella partita più vista in tv di questa stagione, più dell’NBA e più di Milano: saremmo contenti di vincere, per i nostri tifosi, per la nostra classifica, e per battere la capolista. Noi per arrivare a questa prestazione ho dovuto tenere Montano fermo 38’ domenica scorsa, prendendomi del cattivo: pecchiamo di continuità.

RuzzierGià da qualche partita stiamo dimostrando che giochiamo da Fortitudo, magari con qualche calo ma difendendo nel modo migliore per vincere. Recanati ha giochi abbastanza semplici, dovevamo focalizzare sulla difesa uno contro uno e, terzo quarto a parte, ci siamo riusciti. Ora il derby: siamo carichissimi, vogliamo vincere, io come i miei compagni ci portiamo dentro il ricordo dell’andata, e vogliamo regalare una gioia ai nostri tifosi. Oggi vittoria fondamentale, siamo matematicamente ai playoff e questo ci permette di giocare più liberi, sperando di andare il più avanti possibile.

Il video della conferenza stampa, grazie a Sportpress

Bolognabasket © 2000 - 2023 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: [email protected]

Privacy e Cookie Policy | Bonus Scommesse | Bonus immediato senza deposito | Migliori siti scommesse | Migliori casinò online