Interrompendo un silenzio di cinquanta giorni – l’ultimo comunicato era del 12 maggio, l’annuncio dell’assemblea pubblica (poi mai convocata) da parte di Roberto Melloni – la Fortitudo ieri è tornata a farsi sentire in maniera ufficiale e l’ha fatto per dare due ottime notizie ai propri tifosi, ovvero l’approvazione del piano di rientro del debito e l’iscrizione effettuata alla serie A2.
Il piano, studiato dalla società Sherman Advisory, verrà depositato in Tribunale nei prossimi giorni per la richiesta di omologazione. Non ci sono cifre ufficiali, anche se il Resto del Carlino ipotizza che di 4.7 milioni di debiti con l’Erario (Agenzia delle Entrate e Inps) i consulenti Fortitudo siano riusciti a ottenere uno stralcio di 2.5 milioni. Inoltre, sarebbero già stati trovati gli accordi con parecchi tesserati creditori che nel frattempo avevano presentato il lodo. Per questo, il Consorzio proprietario – in primis il capofila Gianluca Muratori – ha dovuto operare una iniezione di denaro.
Ora la parola passa alla COMTEC, che dovrà verificare il rispetto di tutte le condizioni necessarie per l’ammissione al campionato. Con l’approvazione del piano di rientro il più sembra fatto, ma ci sarà comunque tempo fino al 7 luglio, termine perentorio, per rispondere ad eventuali rilievi e saldare eventuali spettanze mancanti. Sarà poi il Consiglio Federale del 15 luglio a sancire le ammissioni al campionato.

A questo punto, arriva il momento delle nomine, perché le attuali cariche in Fortitudo sono o dimissionarie – il presidente Pavani – o decadute, il CDA del Consorzio con Melloni presidente. Per quanto riguarda la presidenza del Consorzio il nome caldo sembra sempre essere quello di Giovanni Tamburini, ex presidente della Banca di Imola. Per la presidenza del club, secondo il Resto del Carlino il candidato unico al momento sarebbe Carlton Myers, che sta riflettendo se accettare o meno la proposta. Secondo Damiano Montanari su Stadio oltre a Myers sarebbero ancora in corsa Stefano Mancinelli – con quotazioni in rialzo – e la cordata facente capo a Simone Lusini. Il tutto passerà da un confronto interno alla proprietà, che ha in Gianluca Muratori sempre più il socio di riferimento. Una volta definito tutto questo, si potrà iniziare a pensare al basket giocato, a partire dalla scelta dell’allenatore.

Bolognabasket © 2000 - 2022 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: [email protected]

Privacy e Cookie Policy | Bonus Scommesse | Bonus immediato senza deposito | Migliori siti scommesse | Migliori casinò online