Alessandro Pajola è stato sentito dal Carlino. Un estratto dell’intervista.

“Sto lentamente metabolizzando la conquista dello scudetto. I primi giorni non mi capacitavo, poi i messaggi, le chiamate, i complimenti per strada ti dimostra che c’è una unica realtà, quella in cui la Virtus è campione d’Italia.
Diventare una bandiera? E’ impossibile non pensarlo, perché ormai lo dicono tutti. Io posso solo rispondere che per me sarà un onore diventarlo per quello che la V nera rappresenta in Italia e in Europa. Se qualcuno me lo avesse detto 10 anni fa avrei detto che sarebbe stato bellissimo. Adesso dico che devo fare in modo di meritarmelo giorno dopo giorno.
Teodosic e Markovic? Mi reputo fortunatissimo ad averli come compagni di squadra. Di questo devo ringraziare sia la società che la proprietà perché è grazie a loro che mi posso allenare con giocatori di alto livello. La cosa non riguarda solo il mio ruolo: stare in palestra con Marco Belinelli, Kyle Weems o Pippo Ricci, ti fa imparare qualcosa quotidianamente. Io sono sempre stato il più giovane per cui per me sono soprattutto degli esempi. La differenza la fa anche lo staff tecnico. Djordjevic lo ha costruito con gente molto preparata come Goran Bjedov e tutti gli altri collaboratori.
Obiettivi? Da coach Ramagli ho imparato che bisogna migliorarsi giorno per giorno. Solo così si raggiungono i grandi traguardi, perché per arrivare alla vittoria finale devi necessariamente passare per il successo nelle altre partite”

(foto Legabasket)

Bolognabasket © 2000 - 2021 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: