Antimo Martino è stato sentito da Damiano Montanari di Stadio e dal Resto del Carlino. Un estratto dell’intervista.

“Questo è un momento di difficoltà che fa parte di una stagione. Non ci rende felici, ma come si accettano i periodi buoni, così bisogna accogliere anche quelli meno positivi. Al di là dei risultati, l’obiettivo è reagire e tornare subito a fornire un altro tipo di prestazioni.
Come se ne esce? Lavorando e ritrovando la condizione fisica e la fiducia dei giocatori. La stagione è lunga. Per affrontarla al meglio c’è bisogno del contributo di tutti. Mi auguro di poter tornare a lavorare al completo. Non voglio trovare scusanti, però è più di un mese che per diversi motivi non riusciamo ad allenarci come vorremmo e dovremmo.
Panchina non adeguata? No. I giocatori alzatisi dalla panchina sono gli stessi che hanno dato un buon contributo agli ottimi risultati ottenuti nel girone d’andata. Anche chi comincia in quintetto è un po’ calato. Robertson, ad esempio, nelle ultime 5 partite è passato dal produrre quasi 16 punti di media con il 48% da tre a quasi 10 punti di media con il 20% dalla lunga distanza. Ci può stare all’interno di una stagione e noi siamo molto contenti di averlo scelto in estate. Come coach devo cercare di supportare i ragazzi con cui lavoro per avere il massimo da tutti.
Stipcevic? E’ inutile negare che Rok stia attraversando un momento di sfiducia che lo sta condizionando. Ogni giorno si allena in modo intenso e ineccepibile, con grande voglia, poi in campo le cose non gli riescono. Dato che, almeno per il momento, abbiamo deciso con la società e lo staff tecnico di continuare con questo gruppo senza ricorrere al mercato e che, classifica alla mano, stiamo ottenendo risultati migliori del previsto, dobbiamo restare uniti. E nelle difficoltà che si dimostrano la compattezza e la forza di una società e di una squadra. Sarebbe ingiusto cominciare a indicare colpevoli.
Io mi metto in discussione dopo ogni sconfitta ma non a livello generale. Al primo anno in Fortitudo abbiamo raggiunto la promozione, al secondo siamo oltre le aspettative. Non sono felice dei risultati recenti, che però non inficiano l’ottimo girone d’andata. Spero di vedere presto miglioramenti a livello individuale e di squadra.
Le prossime saranno decisive? In questa stagione a Venezia hanno vinto solo il Partizan e Milano di misura, mentre Varese è una squadra solida che sa far male anche in trasferta. Dovremo migliorare nelle prestazioni, cercando il più possibile anche il risultato.
Il mio augurio è quello di poter tornare a essere al completo in palestra per poterci allenare con intensità. Non vuole essere una scusante, ma è quasi un mese e mezzo che noi non riusciamo, per un motivo o per l’altro, a lavorare tutto insieme e a farlo con continuità. Allo stesso tempo spero che alcuni brutti risultati, che purtroppo ci sono stati e che dovevamo evitare, non vadano a minare quanto di buono abbiamo fatto finora. Dobbiamo essere orgogliosi del nostro percorso e di quello che abbiamo fatto fino a questo momento, guardando anche quello che hanno fatto gli altri club”

(Foto Valentino Orsini – Fortitudo Pallacanestro 103)

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: