Luca Baraldi è intervenuto a Sportoday su E-Tv.

Intanto, è ufficiale il rinvio della prossima giornata di tutti i campionati. “Era quello che avevamo chiesto come club, noi e la stragrande maggioranza degli altri. Solo Milano non era d’accordo, per motivi logistici e per le loro tante partite in Eurolega: anche noi ne giochiamo tante, ma meglio così che non a porte chiuse. Il basket non è il calcio, non può permettersi di giocare senza pubblico”

Non sarà facile trovare una data per il recupero. “No, ma è giusto fare sacrifici. La situazione non era prevista, e forse domenica prossima non sarà l’unica ad essere in discussione, ma conta seguire le direttive della Regione e del Ministero. Poi si cercheranno soluzioni, ma noi vogliamo evitare di giocare in palasport vuoti, si perderebbe la possibilità di fare vedere le partite ai tifosi”

La Virtus non giocherà i playoff in Fiera, cosa cambia per voi? “Purtroppo è una cosa molto negativa, avevamo già impostato la cosa ma non ci si può fare nulla, il coronavirus ha dato problemi a tantissimi settori, anche quelli fieristici. E Cosmoprof vale più dei playoff Virtus, anche se per noi sarà una perdita economica consistente. E avremmo avuto la possibilità di avere quasi il doppio di sostenitori… ma abbiamo la fortuna di avere il Paladozza, dove ci sarà meno pubblico ma più calore. Sarà un ottimo ripiego”

La trasferta in Turchia è a rischio? “Ci potrebbero essere dei problemi, stiamo lavorando sia con la Federazione che con le autorità sanitarie, quali sono le garanzie che potremo dare e offrire. Non possiamo permetterci un charter come le squadre di calcio, andremo con un volo di linea, e non possiamo rischiare la quarantena solo perché arriviamo dall’Italia. Dobbiamo tranquillizzare le autorità turche, e non ci devono essere sorprese: l’ideale sarebbe sospendere la partita, ma il calendario non so quanto possa prevedere questa ipotesi.”

La Virtus come sta? Una giornata di pausa può aiutare? “Non giocare non ci fa bene, avremmo avuto bisogno di giocare sia a Varese che con Brescia, anche per preparare al meglio la gara in Turchia dove ci giocheremo la Coppa. Questo ci penalizza, anche perché veniamo da due obiettivi mancati. Se non altro stiamo recuperando le energie consumate e saremo freschi. Avevamo poi agito con la Nazionale Serba per permettere a Teodosic di allenarsi con i suoi compagni. E’ un terno al lotto, ci alleniamo tutto i giorni, ma arrivare al 4 marzo senza una gara non ci aiuta”

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: