A proposito di derby, Justin Knox è stato intervistato da Enrico Schiavina sul Corriere di Bologna.
Ecco un estratto delle sue parole:

Il derby? Sì, ne ho sentito parlare, sento che c’è eccitazione in giro ed è bello così. Ma non credo sia nulla di paragonabile a Unc-Duke…. Qui a Bologna ci sono due squadre della stessa città, lì la gente del posto la vive come una questione di orgoglio del territorio. Per i biglietti i tifosi fanno la coda anche di notte, dormendo sotto le tende. Gli studenti organizzano di tutto, feste, parate, prese in giro ai rivali, c’è un tifo caldissimo: niente a che vedere con l’NBA. C’è forte senso di appartenenza, anche un po’ di ideologia: Duke è un’università privata, la mia UNC è statale, per i nostri tifosi i Tar Heels rappresentano il vero spirito popolare del North Carolina, mentre da loro c’è molta gente di fuori e per questo sono odiati.
Ho 27 anni e ho giocato in tanti posti del mondo: Malesia, Turchia, Bielorussia, Porto Rico… Bologna è meglio, certo. Ma è il mio mestiere e cerco di farlo meglio possibile, senza farmi condizionare da niente. Ci alleniamo e pensiamo alla prossima partita, non al derby. Cos’altro potremmo fare? Poi capisco che invece i tifosi pensano solo alla partita contro i rivali. Era così anche a UNC.

Bolognabasket © 2000 - 2023 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: [email protected]

Privacy e Cookie Policy | Bonus Scommesse | Bonus immediato senza deposito | Migliori siti scommesse | Migliori casinò online