Poteva essere una settimana tranquilla. Senza parlare di Comtec, complottisti e altre cose. Ci siamo ritrovati a dover datare una foto spiaggiaiola usando il Carbonio 14 e a sentirne di ogni, quando forse sarebbe stato meglio scusarsi eccetera senza tirar fuori complotti (che non si negano a nessuno) o giustificazioni di varia umanità. O a notare che, comunque, il tesseramento di Stojanovic non è stato effettuato, ergo poteva andare meglio anche da quel punto di vista. E quindi si torna indietro nel tempo, quando le cronache infrasettimanali erano tutte lontane dal campo, e si aspettava la palla a due e il rimbalzar della spicchia come unica fuga dalla realtà. Chiaro, all’epoca erano situazioni ben più drammatiche mentre qua si tratta di capire quando sia stato bollito il gamberone a Savio e di far tara tra scuse e dichiarazioni semi-pubblicitarie, ma ci siamo intesi.

Ad ogni modo, quel che il campionato dice è che ci sono cinque squadre a pari merito in quello che è l’ottavo posto, più due che di fatto sono dietro di una vittoria. Capite che è complesso trarre giudizi, basti pensare a come la stessa Fortitudo prima, e Varese poi, parevano per spacciate e ora sono il ritratto della salute, a differenza di Brescia o la stessa Pesaro che vanno e vengono. Insomma, non ci si capisce niente, se non che almeno dal lato Effe della questione si spera di finire in fretta e ricostruire tante cose, in estate.

Pesaro, quindi. L’altalena del campionato ha visto gli adriatici un mese fa come favola del campionato con finale di Coppa Italia compresa nel pacco regalo. Poi si va e si viene, e ora Repesa viene da 5 sconfitte consecutive (9 nelle ultime 12) a farlo finire in quel calderone dove, come abbiamo detto, è un attimo essere ottavi e un attimo essere quattordicesimi. Bello l’equilibrio, no? Comunque, il ritorno della Mano sarà appunto in gara spareggione, con la Effe che gode anche del +8 dell’andata. Quando Dalmonte fece capire, fin da subito, che la musica era cambiata. E’ da poco rientrato Massenat, che tanto bene aveva fatto in partenza, mentre si rivedrà da queste parti Carlos Delfino (13+4, ma con percentuali sotto il 40%). Cain sarà un buon avversario per Hunt, mentre Justin Robinson aspetta domani l’eventuale tampone liberatorio per entrare in campo. Tamponi che in Effe hanno dato negatività per tutti: vista la settimana, e visti i pissipissibaobao su Withers, non era scontato.

Si gioca domani, ore 20, diretta Eurosport 2, Eurosport Player e Radio Nettuno Bologna Uno.

(Foto Valentino Orsini – Fortitudo Pallacanestro 103)

Bolognabasket © 2000 - 2021 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: