La doverosa premessa è che Pietro Aradori è un giocatore della Fortitudo con contratto fino al 2023. Il fatto però che la Effe abbia scelto Meo Sacchetti come coach, e che tra coach e giocatore ci sia stato qualche screzio dopo l’esclusione dai mondiali di Cina, ha dato prevedibilmente il via alle voci di mercato. Ieri a Reggio Emilia è stato notato un pranzo tra Aradori, coach Martino e l’AD Dalla Salda. Oggi a Brescia (Bresciaoggi) e Trento (Corriere del Trentino) il nome del giocatore viene accostato. Al momento però non c’è nulla di concreto. A Brescia deve ancora completarsi il passaggio di quote societarie tra la famiglia Bonetti-Bragaglio e l’attuale sponsor Mauro Ferrari, a Trento si dovrà fare i conti con una riduzione del budget del 20%, anche se iscrizione all’Eurocup dovrebbe essere garantita. In entrambi i casi – però – il nome di Aradori sarebbe sul taccuino dei rispettivi GM, nel caso in cui il giocatore decidesse di non rimanere in Fortitudo. La cosa però è tutta da vedere perchè – come spiegano Stadio e Tuttosport – in ballo c’è anche una possibile estensione contrattuale fino al 2025, e quindi una Fortitudo che punterebbe ancora di più sul giocatore bresciano, facendolo diventare una bandiera della società.
Bisognerà attendere qualche giorno per capire l’evoluzione della situazione.

(FOTO DI VALENTINO ORSINI/ FORTITUDO PALLACANESTRO)

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: