Il bel gioco sarà mancato – come ha sottolineato Sasha Djordjevic dopo la partita – ma la vittoria di ieri della Virtus è di quelle pesanti. Lo è per la caratura dell’avversario, che è di alto livello: squadra di Eurocup e 11 giocatori veri. E lo è anche perchè vincere – in questo modo – aiuta a vincere, e ad acquisire mentalità e consapevolezza dei propri mezzi.
Al PalaLeonessa – con 700 spettatori, sperando che non sia l’ultima volta – la partita è stata dai due volti: primo tempo con difese abbastanza allegre (e varie palle perse di troppo bianconere), secondo tempo duro, di intensità playoff e con parecchi errori. Brescia ha provato più volte a scappare, trascinata dal folletto Chery, immarcabile anche perchè l’unico che fisicamente poteva tenerlo, Adams, ha fatto talmente male che il secondo tempo l’ha guardato tutto dalla panchina. I bianconeri però sono sempre rimasti lì, e nel finale l’hanno decisa gli episodi: prima le scelte lucide di Teodosic per recuperare dal -5 a 90″ – poi la stoppata di Hunter su Crawford, il libero di Abass, e infine l’errore di Vitali, a cui stavolta la “tabellata” non è riuscita.
Il bicchiere è assolutamente mezzo pieno, anche perchè la condizione di parecchi giocatori (Markovic su tutti) sta crescendo, e questo farà la differenza. Poi di cose su cui lavorare ce ne sono, a partire dalle palle perse (ieri 16) e continuando con i tiri liberi (59%). C’è un po’ di preoccupazione per l’infortunio alla coscia di Pajola, da valutare, e per Josh Adams, ancora ben lontano dal giocatore visto a Malaga e all’Efes. In ogni caso, di tempo per fermarsi a pensare non ce n’è: mercoledì – con il Lokomotiv Kuban – arriva un’altra sfida ancora più dura. Se con il pubblico o a porte chiuse, lo si capirà a stretto giro di posta.

(foto Legabasket)

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: