L’ex Giovanni Pini è stato sentito da Damiano Montanari per Stadio. Un estratto dell’intervista.

“Io rimango tifoso Fortitudo. Sono rimasto in contatto sia con i ragazzi che hanno indossato la maglia biancoblu durante la mia permanenza come Mancinelli e Fantinelli, sia con alcuni tifosi. Sul mercato ‘di riparazione”;,’! è mossa La Effe sul mercato di riparazione si è mossa bene, inserendo giocatori funzionali che hanno incrementato la qualità del roster. Le gerarchie sono rimaste, anche perché avendo elementi come Banks e Aradori è difficile alterarle, però oggi la Fortitudo è una squadra che può arrivare tra le prime otto: può qualificarsi per i playoff.
Dalmonte? A Verona Luca arrivò a stagione in corso, quando eravamo quattordicesimi e ci portò ai playoff di A2. Diede subito poche regole, ma molto chiare: condivisione del gioco in attacco e in difesa, organizzazione. A Bologna ha fatto la stessa cosa. È un tecnico molto esigente, soprattutto con i giocatori più importanti della squadra. Ha una indubbia personalità.
Totè? Non mi aspettavo un inizio negativo di tutta la Fortitudo. Probabilmente ha pagato i tanti cambiamenti, non ultimo quello di essere passata dal giocare al Paladozza con la Fossa dei Leoni allo scendere in campo alla Unipol Arena senza pubblico. Leo ha dovuto ambientarsi in un ruolo non propriamente suo. Sono contento che sia cresciuto, è un 4 che può giocare da 5, non il contrario.”

( Foto Fabio Pozzati/ebasket.it )

Bolognabasket © 2000 - 2021 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: