Giacomo Galanda è stato sentito da Damiano Montanari per Stadio. Un estratto dell’intervista.

“Per le riaperture, come prima cosa va detto che la Legabasket e la FIP, per quanto si possano impegnare e lavorare in sinergia, si devono comunque rapportare con il Governo e con disposizioni che sono al di sopra delle decisioni sportive. Noi dobbiamo difendere il mondo della pallacanestro e dello sport in generale, però sono anche cosciente che la salute delle persone venga prima di tutto. In questo periodo stiamo assistendo ad una ripresa delle attività, dalla riapertura delle scuole a quella del cinema e dei teatri. Tenendo bene in vista l’evoluzione della pandemia, dobbiamo cercare di fare lo stesso tentativo anche con la riapertura, progressiva e graduale, dei palazzi dello sport, per provare a recuperare piano piano una certa normalità, che per forza di cose non potrà essere quella del 2019.
In questo momento io sono per offrire il prodotto pallacanestro senza spaventarsi se non è proprio quello degli anni scorsi. Sono certo che la cosa giusta sia giocare, perchè fermarsi di nuovi significherebbe perdere i sostenitori e gli appassionati che abbiamo fidelizzato per tanti anni.
I derby di Supercoppa? Un derby è sempre tale in qualsiasi situazione, e le due gare tra Virtus e Fortitudo sono state partite vere. Siamo ancora in precampionato, ci sono giocatori che hanno potuto allenarsi poco o niente e mancano certi meccanismi. E’ troppo presto per fare valutazioni, poi è stato bello sia arrivata una vittoria per parte.
La Fortitudo ha complessivamente buona fisicità, atletismo e velocità. Forse anche per il budget a disposizione è stato impostato un gioco basato più sulla qualità che sul fisico. Dellosto? Quando ero GM a Pistoia e lui giocava alla Servolana Trieste cercai di tesserarlo. E’ molto interessante, deve fare esperienza.
La Virtus è stata la favorita per lo scudetto fino alla chiusura anticipata del campionato, prima dei playoff che credo avrebbero rimesso tutto in discussione. Oggi Milano è nettamente più forte della Segafredo, che non dovrà fare l’errore di pensare troppo alla chimica perfetta che si era creata la scorsa stagione”

(foto Valentino Orsini)

CategoryAltri Argomenti

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: