Scoperto che la formula magica di Dalmonte può funzionare ma non è infallibile, la Fortitudo che oggi torna in Coppa lo fa per onorare un impegno divenuto inutile già da tempo, soprattutto considerando il non poter far incassi nelle partite casalinghe, oltretutto segate dal nuovo format. Non conterà vincere – come nella prossima, ultima, trasferta in Germania tra due settimane – ma fare di fatto precampionato e, come si suol dire, primo non prenderle. Ma nel senso fisico.

Poi, al termine delle campagne continentali, si dovrà ragionare di nuovo su cosa fare di un roster troppo lungo e che evidentemente porta a sovrapposizioni di ruoli e di gerarchie che poco aiutano chi dovrebbe, invece, avere certezze e garanzie. Con Happ che sembra ormai certo della destinazione Sassari (dove ha chiuso la stagione anche Devecchi) sebbene il suo sostituto, Hunt, non stia esattamente facendo grandi cose. L’affollamento rimane nell’ambito degli esterni: oggi Damiano Montanari per Stadio ipotizza un passaggio di Sabatini in A2, a Ravenna – c’era già stato – in una sistemazione che non disturberebbe le intenzioni universitarie del giocatore. Per Sabatini, come riporta Superbasket, ci sarebbero anche interessamenti da altre squadre di A2 (Scafati e Piacenza). Così come un possibile prestito di Palumbo, che sta migliorando ma che si troverebbe chiuso dal rientro di Aradori e dal tornare in forma di Saunders. Ma anche sotto canestro rimarrà difficile far quadrare i conti, con Withers che rimane sottodimensionato e Totè che sta cercando un corso rapido per il ruolo da 4.

(FOTO DI VALENTINO ORSINI/ FORTITUDO PALLACANESTRO )

Bolognabasket © 2000 - 2021 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: