Spicchi d’Arancia ha pubblicato una interessante statistica sulle squadre di serie A e il loro utilizzo di contratti professionistici, tesseramenti e visti.

Ogni club può effettuare fino al massimo 16 tesseramenti nel corso della stagione 2015-16, mentre i visti a disposizione sono 6 per le società che hanno utilizzato la formula 5+5, e 8 per quelle che hanno utilizzato il 3+4+5. Le 9 società che hanno scelto la formula 5+5, e concorreranno per il premio italiani assegnato dalla FIP, devono avere un minimo di 10 contratti depositati. Le sette società che hanno invece utilizzato la formula 3+4+5, e che dovranno versare alla FIP una tassa di 40mila euro.

La Virtus – come è noto – ha scelto per il secondo anno consecutivo la formula 5+5. Ha già speso 10 tesseramenti, corrispondenti ai 10 contratti depositati: Ray, Gaddy, Pittman, Odom, Williams, Fontecchio, Cuccarolo, Vitali, Mazzola e Fabiani. I visti spesi sono stati 5 su 6, per i cinque americani. Ne resta quindi uno a disposizione in caso di sostituzione di un americano per infortunio o scelta tecnica.

Bolognabasket © 2000 - 2022 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: [email protected]

Privacy e Cookie Policy | Bonus Scommesse | Bonus immediato senza deposito | Migliori siti scommesse | Migliori casinò online