Il coach della Virtus Roma Piero Bucchi, intervistato da Repubblica, ha parlato delle ambizioni della sua squadra e dell’esordio in campionato a Bologna.
Un estratto delle sue parole. spiega come sarà la sua Virtus. La “sua”s econda Virtus, che ha già allenato dal 2002 al 2005.

Il presidente Toti. Quando leggo che qualcuno lo contesta, penso che senza di lui la pallacanestro di alto livello a Roma non ci sarebbe. Faremo di tutto per rimanere in serie A ma tutti devono sapere che non sarà facile.

Come giocherà la squadra? La squadra è piena di esordienti in serie A e come tale ci sono molte cose che sto scoprendo e scoprirò. Bisogna difendere forte, anzi fortissimo, perché siamo in serie A. Bisogna passarsi la palla. Bisogna correre e il primo che è libero deve prendersi il tiro come mi è sempre piaciuto. Ci sono delle regole precise e delle gerarchie con relative responsabilità. Jerome Dyson, William Buford e Davon Jefferson sono le nostre prime opzioni per esperienza e scelte fatte con Valerio Spinelli in sede di allestimento della squadra. Gli altri sono chiamati a supportarli.

Le prime avversarie saranno Virtus Bologna e Brindisi. Per me è un doppio colpo emotivo non male. Dal punto di vista tecnico io e Daniele Michelutti abbiamo già cominciato a parlare con la squarda. Ma ci sono cose che ho nel cuore, e che mi riservo per gli ultimi minuti prima della palla a due.

Bolognabasket © 2000 - 2020 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: