(Foto Virtus Pallacanestro)

Bologna, 13 febbraio –

 

Ana Begic, alla seconda stagione in Virtus, è una delle migliori giocatrici del campionato LBF e una delle protagoniste dell’ottima annata della squadra di coach Serventi. Dopo 17 partite segna quasi 14 punti di media a gara ed è la terza miglior rimbalzista della Serie A, con 10 rimbalzi a partita.

Una stagione, quella della squadra bianconera, che per ora ha regalato tante soddisfazioni: “Le due parole che userei per descrivere la stagione fin qui è inaspettata ed imprevedibile. Ognuna di noi ha iniziato quest’anno senza troppe pressioni o con aspettative non troppo realistiche. Forse questo ci ha permesso, fino ad adesso, di essere dove siamo. Sin dall’inizio abbiamo pensato e lavorato partita per partita e continueremo a lavorare in questo modo, vediamo cosa accadrà.”

Una Virtus che ha iniziato e sta continuando a rimanere nei piani alti della classifica, qualificandosi con largo anticipo alla Coppa Italia e rimanendo stabilmente nel pieno della zona playoff. Ora è necessario non fermarsi: “Il nostro obiettivo da qui alla fine è rimanere tra le prime quattro squadre del campionato, con il miglior posizionamento possibile per i playoff. Poi ci sarà da continuare a combattere, come stiamo facendo dall’inizio.”

La lunga croata, dopo quasi due anni a Bologna, ha avuto ovviamente modo di apprezzare Basket City: “Amo Bologna, è cosi facile vivere qui. Le persone sono molto gentili, amichevoli e sempre pronte ad aiutare. La città di Bologna è fantastica, molto bella e con ottimi ristoranti e buon caffè. Ma non sarebbe tutto così bello se non avessi avuto la possibilità di vivere la città insieme alle mie fantastiche compagne di squadra che ho avuto in questi due anni. Da questo punto di vista sono stata molto fortunata. Tra tutte le mie compagne di squadra, se dovessi dire quella a cui sono più legata direi Rae Dalie, già dallo scorso anno.”

 

L’identità di squadra si acquisisce non solo in campo, ma anche vivendo insieme fuori dalla palestra dove tutti i giorni ti alleni. Casa Virtus, già dallo scorso anno, è stata molto importante per le ragazze della Virtus Segafredo, anche se non basta soltanto vivere a stretto contatto la quotidianità extra campo: “Non so se vivere insieme in Casa Virtus ci aiuta ad essere una squadra migliore, perché comunque arriva un punto della stagione in cui siamo tutti mentalmente stanche e magari non c’è tanta voglia di vederci tra di noi per un giorno o due, il che è tutto normale. La sicurezza ce la dà il fatto di essere un gruppo di brave persone, che si capiscono a vicenda, persone sempre pronte ad aiutarsi ed essere a disposizione l’una dell’altra.”

Ana Begic è stata anche protagonista, negli ultimi giorni, con la Nazionale Croata, che ha staccato il pass per gli Europei: “Abbiamo avuto la bolla per le Nazionali a Riga in Lettonia, abbiamo vinto contro la Germania e ci siamo qualificate dopo 6 anni ad Eurobasket: sono orgogliosa perché questo rappresenta un grande traguardo per noi e per lo sport croato, soprattutto femminile. Giocare per il proprio paese è sempre una sensazione speciale e ti lascia sempre dentro qualcosa. Rappresentare il proprio paese in un grande palcoscenico è sempre entusiasmante e motivo di orgoglio: siamo tutti entusiasti per questo. Per la Croazia, che ha vissuto nell’ultimo periodo un momento difficile per via del terremoto, è sicuramente positivo se accade qualcosa di buono a livello sportivo.”

Bolognabasket © 2000 - 2021 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: