Stava vivendo un’estate abbastanza tranquilla, con la nuova zona degli spritz in spiaggia che aveva spodestato i bambini a cui erano stati tolti saltabili e gonfiabili, ma considerando che un aperitivo gli faceva incassare più dei Chupa Chups, ecco che Waimer festeggiava la sua grande idea e vedeva con gioia il suo registro di cassa che suonava come un carillon. C’era qualche problema con mamme salutiste che lamentavano il poco distanziamento tra lo scivolo e la giostra, ma dopo aver risposto magari faccio presente a tuo marito il poco distanziamento che hai con il ragazzo dei pedalò ecco che tutto finiva bene. Tranne che tra i due tifosi, uno dei quali era riuscito a trovare un maglia Virtus con il numero 45.

Bavvy – Se ne sarà anche andato, Gamble, però resterà per sempre nel mio cuore. Ed è bello che vi abbia salutato in questo modo.

Piccy – Ah complimenti, noi lo ricorderemo per i ferri distrutti e con il suo perfetto stile. Ma non eravate voi quelli che siete superiori, che non ci guardate nemmeno in faccia? E ora?

Bavvy – Magari ti faccio l’elenco di tutte le vostre cose? I culi in curva? La conigliera di Mancinelli? I ricci? I pisciare sulle tombe? Avete voi l’esclusiva sulle prese per i fondelli?

Piccy – Magari non da un giocatore, questa è la differenza. Però cosa ne sai tu, che…

Bavvy – ‘spetta, vieni in riva al mare. Vedi là in fondo? Dopo Gabicce, quando è già provincia di Pesaro? Vi stanno spernacchiando anche per tutti i vostri ricorsi. Dai, questa è l’estate in cui tutti sono autorizzati a dirvi qualcosa. Come vi ha chiamati l’avvocato di Pesaro? Beduini? Altro mio idolo, adesso chiedo se posso avere la sua maglia, o la sua camicia.

Piccy – Goditela finchè il Dottorzanetticheringraziate non si stancherà. Io te lo dico sempre, devo fare con quello che ho, e non alzo i prezzi delle miscele per pagare Teodosic.

Bavvy – Anche tipo andare di nuovo ad abbonarvi in massa senza sapere nè quanti sarete nè che squadra farete. Ok, a voi interessa poco la squadra perchè quel che conta è la salsicciata di fine gara, ma non vi siete stancati di dare dei soldi per niente?

Piccy – Mi sembra che pure uno dei vostri caffettari abbia ringraziato chi di voi ha elargito senza chiedere nulla in cambio, con la differenza che voi avete fatto un obolo a chi già ne ha. Noi sappiamo che siamo in una situazione diversa.

Bavvy – Certo, e con questa scusa vi fanno capire che se non pagate non si va avanti.

Piccy – Noi siamo quelli che siamo, ma.. ti chiedo una cosa, lì alla Porelli ce l’avete la foto di Richardson, nei poster dei vostri presunti eroi? Ecco, e poi fate la morale a Hunter per una canna?

Waimer li stava ascoltando, furioso perchè tra canne, caffè e salsicciate alla fine però nessuno andava a prendere qualcosa al bar: caffè lui aveva solo la Moka Rica romagnola e quei due non lo volevano per principio. Salsicciate non ne poteva fare perchè quelli dell’Igiene non erano molto contenti di vedere dei barbecue in spiaggia. E l’altra cosa, non è che la potesse mettere in vetrina accanto ai bomboloni. Venne distratto dalla mamma di Brandon e Brenda (facile capire quali fossero i gusti televisivi da giovine di costei), che lamentava di come un gabbiano avesse portato via la pizzetta ai suoi due pargoli. Waimer rispose con un rutto che lo sentirono anche sulle colline di Beverly Hills, e tornò al suo amato prato. Dura, la vita.

Bolognabasket © 2000 - 2021 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: